Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Ricostruzione post sisma, riflettori accesi su lavoro nero e sicurezza

C’è il protocollo prevenzione e legalità per ricostruzione post sisma

Ricostruzione post sisma, riflettori accesi su lavoro nero e sicurezza
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



Sicurezza e lavoro sommerso al centro del patto sulla ricostruzione post sisma, siglato tra la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Paola De Micheli e i presidenti delle 4 regioni del centro Italia colpite nel 2016. A sottoscrivere il protocollo d’intesa, anche i vice commissari e i rappresentanti delle principali organizzazioni di categoria. Il Durc di congruità ha lo scopo di implementare le misure a favore della legalità e per la prevenzione degli infortuni sui cantieri, nell’ambito dei lavori per la ricostruzione post sisma.

Il documento è frutto di un intenso dialogo tra Governo, parti sociali e gli enti locali, per garantire monitoraggio e tutela proprio nei luoghi che sono e saranno protagonisti della rinascita delle zone terremotate. La mancanza o l’incompletezza di questo attestato di regolarità, impedisce alle aziende del settore di lavorare nell’edilizia. Stesso discorso per tutte le risorse del comparto, vale a dire operai, professionisti e imprenditori. L’obiettivo è rendere completamente “pulita e trasparente” la ricostruzione post sisma, nel segmento degli appalti privati e pubblici. Ecco i principali argomenti dell’ordinanza:

Concorrenza sleale. Sanzioni alle attività irregolari e agevolazioni alle ditte che operano nel rispetto della legge per la ricostruzione post sisma.

Monitoraggio cantieri. Controlli più frequenti, accurati e maggiori poter di intervento nelle mani dei soggetti istituzioni incaricati della sorveglianza.

Lavoro nero. Rilascio della certificazione esclusivamente alle società in regola con gli adempimenti contributivi Inps, Inail e Cassa Edile.

Stabilire precisamente l’ammontare dell’opera. Nell’ambito della ricostruzione post sisma i partner scelti e incaricati, saranno tenuti a rispettare il preventivo di spesa anche in caso di progetti complessi che richiedono più fasi di realizzazione.

Prezzario omogeneo per materiali e manodopera. Sviluppare un’unica tabella condivisa per il costo del lavoro e delle strutture necessarie. In questo modo non vi potranno essere eccessive disparità di trattamento da parte dei fornitori, né tanto meno sovrafatturazioni fraudolente.


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio