Renzo Piano: Lectio Magistralis al Cersaie 2009

Renzo Piano: Lectio Magistralis al Cersaie 2009
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



Renzo Piano a Cersaie:
la Lectio Magistralis ‘Fare Architettura’ giovedì 1° ottobre

 

L’architetto Renzo Piano è il protagonista della Giornata dell’Architettura, l’appuntamento che da alcuni anni caratterizza Cersaie, Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno. Giovedì 1° ottobre, presso il Palazzo dei Congressi di Bologna, Renzo Piano terrà una Lectio Magistralis dal titolo ‘Fare Architettura’: l’evento avrà inizio alle ore 11.00 e sarà preceduto da una conferenza stampa prevista per le ore 10.00 presso la Galleria dell’Architettura di BolognaFiere (Centro Servizi, Blocco D).

Renzo Piano nasce a Genova, città antica e grande porto del Mediterraneo, nel settembre 1937.
Studia a Firenze e poi a Milano, dove frequenta lo studio di Franco Albini e vive l’esperienza delle prime ribellioni universitarie degli anni ‘60. Figlio di costruttori, le continue visite ai cantieri del padre Carlo gli forniscono l’occasione per coniugare esperienza e accademia. Si laurea al Politecnico nel 1964. Tra il 1965 e il 1970, alterna i primi lavori sperimentali con il fratello Ermanno a numerosi viaggi di ricerca e di scoperta in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.
Nel 1971, a Londra, fonda lo studio “Piano & Rogers” in collaborazione con Richard Rogers, con cui vince il concorso per il Centre Pompidou di Parigi, città nella quale si trasferisce. Dai primi anni ‘70 agli anni ’90 collabora con Peter Rice, creando l’ “Atelier Piano & Rice”, attivo dal 1977 al 1981.
Infine, nel 1981, costituisce il “Renzo Piano Building Workshop”.

Oggi lavorano con lui 150 persone nelle sedi di Parigi, Genova e New York. Con loro ha realizzato progetti in tutto il mondo: la Menil Collection a Houston, il Terminal dell’Aeroporto Internazionale Kansai a Osaka, la Fondazione Beyeler a Basilea, il Centro Culturale Jean-Marie Tjibaou in Nuova Caledonia, Potsdamer Platz a Berlino, il Nasher Sculpture Centre a Dallas, l’ampliamento dell’High Museum of Art ad Atlanta e della Morgan Library a New York, la Maison  Hermès a Tokyo, la sede del New York Times, la California Academy of Sciences a San Francisco e l’ampliamento dell’Art Institute of Chicago.
Il suo percorso è premiato, fra gli altri riconoscimenti, dalla “Royal Gold Medal” per l’architettura al RIBA nel 1989, dal “Praemium Imperiale” a Tokyo nel 1995, dal “Pritzker Architecture Prize” nel 1998, e dalla AIA Gold Medal dell’American Institute of Architect nel 2008.
Tra i suoi più importanti progetti in corso troviamo l’ ampliamento dell’ Isabella Stewart Gardner Museum a Boston, la riqualificazione e ampliamento del Fogg Museum a Cambridge (Massachusetts) e del Los Angeles County Museum of Art, il Whitney Museum of American Art e  il Campus della Columbia University a New York, l’ampliamento del Kimbell Art Museum a Forth Worth, la London Bridge Tower e St. Giles Court a Londra, il Monastero delle Suore Clarisse a Ronchamp e il Centro Culturale della Fondazione Stavros Niarchos ad Atene.
Sposato con Milly, ha quattro figli: Carlo, Matteo, Lia e Giorgio. Vive a Parigi.


@edilio_it