Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

#OICE d'accordo con Ministro Lupi. #PA: occorre esternalizzare l'attività di #progettazione

OICE d'accordo con Ministro Lupi. PA: occorre esternalizzare l'attività di progettazione
TAG:
isolamento acustico, isolamento termico, materiali, normativa sismica, recupero

Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



Il Presidente di OICE, Patrizia Lotti, dichiara “Assoluta condivisione della posizione del Ministro Lupi sullo stop alla progettazione della P.A. che accoglie quanto chiediamo da 15 anni; lo appoggeremo in tutto e per tutto”

L’OICE accoglie con estrema soddisfazione le dichiarazioni del Ministro Lupi sulla necessità di esternalizzare l’attività di progettazione e fermare la progettazione interna della P.A., espresse oggi a Roma davanti ai rappresentanti dei Consigli nazionali delle professioni tecniche.

Per l’ing. Patrizia Lotti, Presidente dell’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria, si tratta di una assoluta e positiva novità che accoglie quanto l’Associazione propone da tanti anni: “Riformare il ruolo della Pubblica Amministrazione, che deve essere centrata sulla fase di studio e programmazione degli interventi e sul controllo, è un nostro refrain da almeno 15 anni, da quando già era evidente che per migliorare la qualità del progetto risultava antistorico, antieconomico e controproducente puntare sul rafforzamento degli uffici tecnici interni; ci fa piacere che anche gli amici delle professioni tecniche abbiano condiviso questa nostra posizione e sarà questo un motivo per portarla avanti insieme”.

Per Patrizia Lotti sono queste le attività che i tecnici dovrebbero svolgere: “Soprattutto per gli interventi in project finance, è fondamentale avere accurati studi di fattibilità che orientino coerentemente le allocazioni delle risorse, così come, in generale, D.P.P. (documenti preliminari alla progettazione) dettagliati in modo da rendere la gara efficace e finalizzata alla soluzione qualitativamente migliore; quel che è certo è che la progettazione non può più essere, come avviene dal 1865, una prerogativa dell’Amministrazione. Viceversa è fondamentale che la Pubblica Amministrazione si attrezzi per garantire e verificare la qualità del progetto e le modalità di esecuzione dei lavori, difendendo il progetto che ha approvato e messo in gara lei stessa, assicurando che sia realizzato nei tempi e nei costi preventivati, come un vero proprio project manager”.

Anche l’OICE a breve illustrerà le sue proposte di riforma del Codice in occasione del Convegno annuale programmato per il prossimo 5 giugno a Roma: “Di questa positiva e fondamentale novità avremo senz’altro modo di parlare con il Ministro Lupi ai primi di giugno durante il nostro Convegno annuale che vorrà evidenziare come l’ingegneria e l’architettura possano essere un formidabile strumento di sviluppo e di traino per tutta la filiera delle costruzioni e in generale per rendere più efficiente ed efficace il sistema”.


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio