Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Nel cuore del #BiodiversityPark: per conoscere l'agricoltura e il biologico di #Expo2015

@BolognaFiere @FederBio @4expo

Nel cuore del BiodiversityPark: per conoscere l'agricoltura e il biologico di Expo2015
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



Il Padiglione del Biologico e del Naturale è il solo ambiente interamente dedicato ai prodotti Biologici e Naturali e alla Biodiversità ad Expo in cui si racconta tutta la filiera di un’agricoltura eco, sicura e sostenibile, capace di affrontare la sfida “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.

A Cura del Comitato Scientifico Biodiversity Park 

IL CONCEPT

“La biodiversità, la varietà di forme viventi sulla Terra, è la chiave di volta per la conservazione del mondo: è questa varietà, infatti, che garantisce l’equilibrio ecologico di quel grande sistema vivente che è la Terra....”
“....non c'è obiettivo più entusiasmante di quello di avviare l'era del ripristino, ricreando la magnifica diversità della vita che ancora ci circonda.”
Edward O. Wilson, "The Diversity of Life", 1992

Il termine “biodiversità” è stato usato per la prima volta da T. Lovejoy (1980) nella sua versione estesa “diversità biologica”. E. O. Wilson definisce per primo la parola “biodiversità” come “BioDiversity” al National Forum on BioDiversity, tenutosi a Washington D.C., 21-24 settembre 1986. Con la pubblicazione degli atti nel 1988 (Wilson, 1988) del simposio, la biodiversità comincia ad avere notorietà e rilevanza internazionale.
Un’importante svolta nella diffusione del termine e del concetto di biodiversità avviene nel 1992, quando a Rio de Janeiro fu organizzata la conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo Sviluppo (UNCED) e venne approvata la Convenzione sulla Diversità Biologica (CDB), attualmente ratificata da 192 Paesi.

COS'E' LA BIODIVERSITA'?

“Il termine biodiversità si riferisce alla varietà di forme di vita sulla Terra, frutto di lunghi e complessi processi evolutivi. Comprende sia la combinazione di forme di vita e la loro interazione reciproca, sia l’ambiente fisico che ha reso la Terra abitabile per l’uomo”.
 
Fonte: Convenzione sulla Diversità Biologica (CDB)

Oltre alla cosiddetta biodiversità naturale, esiste un altro tipo di biodiversità, quella delle specie vegetali coltivate e degli animali allevati in agricoltura, degli agroecosistemi e dei paesaggi agrari. A tutto ciò si riferisce il termine di agro-biodiversità o diversità agraria.

L'agro-biodiversità, da un lato solo un sottoinsieme della biodiversità, apre a mille altri orizzonti, connessi con la variabilità/varietà della vita sulla terra. L’agro-biodiversità, vero e proprio pozzo di Saint Patrick, include risorse genetiche di piante e animali, piante commestibili e colture agrarie, varietà tradizionali e antiche ricette, animali da allevamento, pesci, microrganismi del terreno, acque irrigue e terre coltivate, sementi, tipologie di aziende agrarie con tutte le loro componenti necessarie per fornire, alla società, beni e servizi di varia natura. La diffusissima e diversificata rete delle aziende che fanno parte del ricco sistema agro-alimentare del pianeta è, infatti, luogo privilegiato ove si conservano e si moltiplicano continuamente conoscenze, abilità, strategie di gestione delle risorse biologiche per lo sviluppo rurale nei diversi territori, politiche per alimentare consapevolmente le moderne filiere che alimentano i mercati locali e globali.

L’agro-biodiversità appare quindi oggi come un immenso serbatoio di beni materiali e immateriali, disponibili per lo sviluppo sostenibile, che ancora non possiamo dire di conoscere del tutto. E’ quindi impossibile parlare di alimentazione e futuro del pianeta senza un chiaro riferimento ad essa, alla sua evoluzione e alla sua salvaguardia.

IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO E DEL NATURALE

Siamo nel cuore del Biodiversity Park, un luogo per conoscere una delle eccellenze dell'agricoltura italiana, la produzione biologica.

Il Padiglione del Biologico e del Naturale è il solo ambiente interamente dedicato ai prodotti Biologici e Naturali e alla Biodiversità ad Expo in cui si racconta tutta la filiera di un’agricoltura eco, sicura e sostenibile, capace di affrontare la sfida “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Diventerà assieme al Teatro del centro della Terra il punto di incontro per gli opinion makers del settore, l’incubatore delle nuove idee, la piattaforma di networking di riferimento per tutti gli stakeholder.

L'AGRICOLTURA BIOLOGICA E LA BIODIVERSITA'

L’agricoltura biologica svolge un compito molto importante nella conservazione e nella valorizzazione della biodiversità e delle caratteristiche ambientali.

Il concetto di biodiversità è parte integrante della definizione stessa di agricoltura biologica, intesa come «...un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e una produzione confacente alle preferenze di taluni consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali..» (Regolamento Europeo. 834/2007).

L’agricoltura biologica è un sistema di produzione che sostiene la salute del suolo, dell’ecosistema e delle persone. Si basa su processi ecologici, biodiversità e cicli adatti alle condizioni locali, piuttosto che sull’uso di input con effetti avversi.

UN INCONTRO CON I VALORI DEL MONDO DEL BIO

All'interno del Padiglione del Biologico e del Naturale viene svelato il ruolo centrale di aziende impegnate per la tutela dell'ambiente e della biodiversità, in grado di rispondere alla sfida globale di EXPO Milano 2015 “Feeding the Planet, Energy for Life”.
I visitatori potranno comprendere come l'agricoltura biologica tenga in considerazione ogni organismo vivente, dal più piccolo microorganismo che vive nella terra all’albero più imponente. Per questa ragione, ogni anello della filiera di produzione è studiato per mantenere e, dove è possibile, per accrescere la diversità animale e vegetale.

L'agricoltura biologica prevede infatti :
• il divieto di adoperare pesticidi e fertilizzanti sintetici e l’impiego di concimi organici che, in generale, possono evitare la potenziale contaminazione e alterazione degli ecosistemi e degli habitat naturali favorendo, così, un alto livello di biodiversità selvatica;
• l’adozione delle rotazioni delle colture, che, implicando un maggior numero di specie e varietà coltivate, aumenta la diversità biologica a livello genetico e specifico; la scelta di coltivare varietà locali di piante e razze autoctone di animali – ormai dimenticate nell’agricoltura convenzionale – favorisce la conservazione della biodiversità agraria;
l’introduzione dei nemici naturali dei parassiti e delle infestanti (lotta biologica), invece dell’uso di sostanze chimiche di sintesi, che aiutano a diversificare e sviluppare la vita animale .

AREE TEMATICHE, 6 SETTORI SIMBOLO DEL NOSTRO PAESE

Il Padiglione del Biologico e del Naturale è strutturato in sei aree tematiche, sei tappe narranti per sei settori chiave e simbolo del nostro Paese. Ciascuna area racconta il legame tra la terra e i suoi prodotti, che altro non sono se non gli alimenti che utilizziamo quotidianamente:

Semi, cereali, legumi e derivati
Frutta, ortaggi e trasformati
Olio e vino
Prodotti da allevamento
Erboristeria, integratori, benessere
Servizi, tecnologie, formazione, certificazione

Per ciascuna area verranno narrate le eccellenze, le storie di agricoltori che con impegno, passione e innovazione aiutano a salvaguardare gli ecosistemi naturali e la biodiversità sia all'interno sia all'esterno dell'azienda agricola. Verrà dato spazio ai prodotti alla loro coltivazione e alle tecniche innovative e più tradizionali per il mantenimento di un rapporto equilibrato tra uomo e natura che è alla base del Biologico. Tutto ciò avverrà grazie a un allestimento che si baserà su tecnologie multimediali e richiami alla terra e ai prodotti e in cui troveranno spazio sia i concetti teorici che la loro applicazione pratica approfondendo il rapporto tra natura e individuo.

I laboratori di parole e di manipolazione, infatti sono i luoghi del Padiglione dove la comprensione attraverso parole chiave verrà affiancata da esperienze dirette legate all’utilizzo del cibo e dei prodotti della terra, per toccare e per scoprire i simboli più vivi del biologico e della biodiversità
Sarà inoltre presente nello stesso spazio una libreria, lo spazio di approfondimento dove trovare una selezione dei testi più attuali legati alle tematiche del biologico e dell’eco-sostenibilita’.

Il percorso sensoriale nel mondo del bio e del naturale si completa con l'area dedicata al Bio Store – in partnership con NaturaSì - l'esperienza di acquisto, che permette di diventare protagonisti dell'agricoltura bio e di fare propri i valori di questo mondo, e con il Bio ristorante – in partnership con Alce Nero - il luogo nel quale la sapienza e la passione degli agricoltori bio si fondono con la capacità e la fantasia degli chef per garantire una cucina attenta al benessere e all'avanguardia. L’offerta culinaria viene reinterpretata in chiave stagionale, con ingredienti regionali selezionati e provenienti da produttori tracciati e fairtrade.

IL PALINSESTO DI EVENTI DEL TEATRO DELLA TERRA

Cuore pulsante e contenitore principale degli incontri, il teatro/Auditorium del Padiglione a cui è stato dato un nome emblematico e significativo: «Il Centro della Terra». Sei sono i temi attorno ai quali si svilupperà il cartellone per dare spazio ad un argomento-chiave per ogni mese di Expo:

• Maggio è dedicato al grande patrimonio rappresentato dall’agricoltura,
• Giugno è invece il mese della salvaguardia del territorio e della biodiversità.
• A luglio si guarda alle eccellenze del bio in Italia
• Ad agosto focus su etica ed equità.
• A settembre si parla di benessere, digeribilità, allergie.
• Ottobre sarà dedicato alla tecnologia e all’innovazione.

Per venire incontro alle esigenze dei diversi pubblici che popoleranno Expo, ogni giornata delle 184 in cartellone si dividerà in diverse fasce orarie con differenti modalità di fruizione: format e proposte diverse per raggiungere tutti, i più piccini e i grandi, dagli esperti del settore al pubblico incuriosito dal mondo del biologico e del naturale.

All’interno della proposta d’eventi, non mancano le ricorrenze, ovvero giornate simbolo che vanno ad arricchire e approfondire i temi del palinsesto. Il 15 maggio si celebra la Giornata internazionale delle famiglie, il 22 maggio naturalmente la Giornata internazionale della biodiversità sarà dedicata agli importanti ospiti che celebreranno la giornata simbolo del Parco in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente.. Il 5 giugno la Giornata mondiale dell'ambiente e il 17 la Giornata mondiale dedicata alla lotta alla desertificazione. Quindi due appuntamenti a luglio: l’11 è la Giornata mondiale della popolazione, occasione per parlare di sovrappopolazione, e il 18 il Nelson Mandela International Day, per riflettere sui diritti universali quali pace, sostenibilità ambientale e giustizia. Il 9 agosto un focus sulle altre culture, e i loro differenti stili di vita, in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni e il 12 la Giornata internazionale della gioventù, con l’opportunità di parlare con le nuove generazioni di consumi e scelte. In autunno si celebreranno l’equinozio (23 settembre) e, nel terzo weekend di settembre, l’appendice italiana dell’iniziativa internazionale “Clean up the world”. Il primo lunedì di ottobre la Giornata mondiale dell'habitat, quella per la riduzione dei disastri naturali, e il 16 ottobre un’altra data importante: la Giornata mondiale dell'alimentazione.

Il palinsesto degli eventi è a cura di Vittorio Bo, in stretta sinergia con il Comitato Scientifico.

Nel video gli splendidi affreschi agresti della Villa di Livia / video sull'origine dell'idea di Biodiversità
con gli splendidi affreschi della Villa dell'Imperatrice Livia accompagnati dalla musica di Tiziano Popoli, inizia a Petra, a Modena dal 14 al 22 febbraio, il viaggio nel patrimonio dell'agrobiodiversità italiana. Petra è la manifestazione fieristica dedicata alle antichità e alle decorazioni artistiche per parchi e giardini, che per l'edizione 2015 abbraccia il tema della biodiversità. Un ideale viaggio nell’agro-biodiversità italiana è il leitmotiv che accompagna i visitatori e gli appassionati durante i 9 giorni di manifestazione: partendo dal progetto Villa di Livia nei cui affreschi si trova il primo esempio di raffigurazione della biodiversità, il percorso guida sino al progetto Parco della Biodiversità, il parco tematico di Expo 2015 realizzato da BolognaFiere e totalmente dedicato all'agro-biodiversità, nelle sue più attuali declinazioni.


 

COLOPHON - IL PARCO DELLA BIODIVERSITÀ

Official Partner: BolognaFiere

Steering Committee:
Duccio Campagnoli Presidente BolognaFiere; Piero Galli, Direttore Generale Divisione Gestione Eventi Expo Milano 2015; Paolo Carnemolla, Presidente FederBio ; Ministero dell’Agricoltura; Ministero dell’Ambiente.

Comitato scientifico:

Dott. Emilio Genovesi Coordinatore
Dott. Vittorio Bo Coordinatore
Prof. Stefano Bocchi, Dip. di Scienze Agrarie e Ambientali. Università di Milano
Prof.Telmo Pievani, Dipartimento di Biologia, Università di Padova
Prof. Andrea Segrè, Dip.Scienze e Tecnologie Agro-alimentari, Università di Bologna

Progetto architettonico e paesaggistico: architetto Fabio Fornasari
 

PADIGLIONE DEI PRODOTTI BIOLOGICI E NATURALI ITALIANI

Official Partner EXPO Milano 2015: BolognaFiere

Partner che hanno finora aderito:

Partner di BolognaFiere: FederBio Cosmetica Italia, FederUnacoma Bologna City of food, Confederazione Italiana Agricoltori
Partner Tecnici di BolognaFiere: AlceNero, Cosmoprof, Cosmofarma, Latifolia, Erbolario, Irritec, NaturaSì 

logo expo biodiversity park 


@edilio_it