Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Imu: il richiamo Ue conferma l'allarme lanciato da Ance

Imu: il richiamo Ue conferma l'allarme lanciato da Ance
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa




“Finalmente emerge con forza l’iniquità dell’impostazione attuale dell’Imu, che colpisce le famiglie indiscriminatamente e ha contribuito alla caduta del settore immobiliare”.
Questo il commento del presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, in merito al Rapporto Ue 2012 su Occupazione e sviluppi sociali, che evidenzia criticità redistributive dell’attuale imposta sugli immobili.
“Condividiamo con lo studio Ue la necessità di ripensare la tassa in senso progressivo, aggiornando più equamente le rendite catastali in modo che tengano conto del reale valore di mercato degli immobili, e rimodulare il prelievo in modo che non penalizzi l’investimento in abitazioni. In questa formulazione l’Imu ha prodotto conseguenze drammatiche: gli aumenti indiscriminati su tutto il territorio nazionale sia delle rendite catastali che delle aliquote hanno di fatto impoverito le famiglie italiane, condizionato il crollo delle compravendite di abitazioni e penalizzato il mercato dell’affitto, aggravando ulteriormente la crisi del settore e dell’economia.”
“E’ necessario e urgente introdurre più equità e tenere conto della reale capacità contributiva dei cittadini considerando che la casa costituisce, tradizionalmente e per cultura, il bene primario delle famiglie italiane.”

Ance.it


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio