Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

#Ikea #green: investimenti in pale eoliche e panelli solari

#rinnovabili #energia

Ikea green: investimenti in pale eoliche e panelli solari
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



Il gigante svedese promette stabilimenti energeticamente autonomi per il 2020

Ikea compie un altro passo perché il pubblico percepisca il gigante svedese come "rispettoso dell' ambiente e responsabile socialmente": la Ikea Foundation ha infatti annunciato che investirà altri 400 milioni di euro entro il 2020 per aiutare e popolazioni che sono maggiormente colpite dai cambiamenti climatici, a cominciare dalla propria autonomia energetica.

In una dichiarazione resa nota dalla direzione, Ikea - che non precisa in quali paesi interverranno gli aiuti promessi - spiega che "la maggior parte dei nuovi impegni riguarderanno l'energia eolica, mentre 100 milioni saranno investiti nel solare".

Dal 2009 a oggi Ikea - che l'anno scorso ha guadagnato 31 miliardi di euro - ha investito un miliardo e mezzo nelle energie rinnovabili e ha usato risorse anche per quello che riguarda i suoi stabilimenti in tutto il mondo, che ora dispongono di 314 pale eoliche e di 700 mila pannelli solari. Il responsabile della sostenibilità energetica, Jamie Rusby stima che attualmente Ikea sia indipendente energeticamente per il 70% poiché "i cambiamenti climatici sono una delle più dure sfide che il mondo globalizzato si trova di fronte".
Le sfide sono di fronte anche alla stesa azienda svedese, cui spesso non sono risparmiate critiche: all'inizio dell'anno la rivista americana Fortune l'ha accusata di utilizzare solo l'1% del legno proveniente da coltivazioni controllate e un rapporto interno di Ikea datato 2014 - secondo quanto ricorda The Local - stima in solo il 41% la quota dei clienti che la ritiene "seriamente impegnata nel rispetto dell'ambiente e nella responsabilità ambientale".
Così, mentre i 6.000 dipendenti italiani scioperano per l'integrativo al grido "i diritti non si smontano", la casa madre corre ai ripari per il calo di 'stima' dell'opinione pubblica e promette impegni green per sé e per i Paesi più in difficoltà. (ANSA).
 


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio