Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Emilia Romagna: al via i programmi regionali sulla #RigenerazioneUrbana e il #ConsumoDiSuolo

@RegioneER

Emilia Romagna: al via i programmi regionali sulla RigenerazioneUrbana e il ConsumoDiSuolo
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



La Regione Emilia-Romagna avvia i nuovi programmi di riqualificazione e valorizzazione urbana, nella consapevolezza della necessità di invertire il modello di sviluppo basato sul consumo di suolo e avviare una nuova legge di governo del territorio improntata alla rigenerazione urbana. Il primo protocollo di intesa con linee di indirizzo la Regione lo sigla col Comune di San Lazzaro di Savena, per il progetto di riqualificazione dell’area di circa 10 ettari che ricomprende lo stadio comunale, la piscina e le scuole Jussi. La Regione, condividendo le strategie e le finalità contenute nel progetto del Comune di San Lazzaro, con il protocollo di intesa si impegna a contribuire con un finanziamento di 3 milioni di euro.


L’intervento della Regione e il progetto del Comune di San Lazzaro sono stati illustrati in conferenza stampa dall’assessore regionale alla Programmazione territoriale Raffaele Donini e dal sindaco di San Lazzaro Isabella Conti. “Questo intervento è paradigmatico di come sarà la nuova legge urbanistica che la Regione scriverà nel 2016 – ha spiegato l’assessore Donini - Da un alto punteremo sulla sostenibilità ambientale, quindi non il consumo di nuove zone verdi ma la rigenerazione e la riqualificazione delle nostre città, e dall’altro agiremo per la competitività territoriale e per rendere le città maggiormente qualitative nei servizi erogati e nel livello della qualità della vita. Nel progetto di San Lazzaro ci abbiamo creduto, ne presenteremo presto altri in Romagna. Crediamo che anche questi primi programmi di riqualificazione e valorizzazione urbana approvati possano contribuire alla discussione sulla nuova legge urbanistica. Puntare sulla rigenerazione delle nostre città – ha concluso Donini - significa ripensare la logica dello sviluppo, se fino ad oggi abbiamo pianificato zone di espansione urbanistica ora dobbiamo riqualificare zone in disuso e potenziare gli spazi pubblici”.

“L’area su cui insiste il nostro progetto rappresenta un po’ il cuore della nostra città – ha detto il sindaco Conti - Un’area con una grandissima potenzialità per la qualità urbana del vivere. Prevediamo la realizzazione di 1600 metri lineari di nuovi di percorsi ciclopedonali, di un grande polo scolastico, di spazi moderni che guardano al futuro, come la nuova sede del teatro di San Lazzaro. Tutto con consumo ‘zero’ di suolo, perché è possibile riqualificare e realizzare opere pubbliche senza consumare suolo. Questo è il messaggio che vuole dare il nostro masterplan”.


L'amministrazione comunale di San Lazzaro ha scelto di riqualificare i propri edifici scolastici, gli impianti sportivi e le aree pubbliche per migliorare l'offerta di servizi ai cittadini e rinnovare il proprio patrimonio edilizio, declinando i propri strumenti di programmazione nel senso del massimo contenimento del consumo di suolo e per innalzare la qualità del paesaggio urbano. In particolare è prevista la riqualificazione della scuola secondaria di primo grado “Jussi” e la demolizione e ricostruzione della scuola primaria “Donini”, con la realizzazione di un unico polo scolastico per scuola media ed elementare, mediante interventi di rifunzionalizzazione e ampliamento della scuola “Jussi”.
Il masterplan del Comune prevede inoltre la razionalizzazione degli impianti sportivi dello stadio e della piscina comunale di via Kennedy.


La sostenibilità territoriale e ambientale sarà perseguita attraverso il massimo contenimento del consumo di suolo, la realizzazione di nuove costruzioni a consumo di energia "quasi zero" e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio la promozione del riciclo dei materiali di costruzione e l'uso di tecniche di bio-edilizia che valorizzino le filiere produttive locali. Il masterplan prevede inoltre una nuova configurazione dell’area del parco, attrezzandolo con un percorso vita collegato con la rete dei percorsi ciclopedonali esistenti, di cui è prevista una complessiva ricomposizione come sistema di mobilità dolce del nuovo assetto funzionale.


La Regione Emilia-Romagna promuove da tempo politiche per rilanciare interventi di qualità nel sistema delle aree urbane avendo promosso e sperimentato sul suo territorio nel corso dell'ultimo decennio una pluralità di programmi di riqualificazione urbana sulla base della L.R. n. 19/1998 come strategia di rafforzamento del capitale territoriale rappresentato dal sistema delle aree urbane della regione. Gli obiettivi di valorizzazione del territorio regionale ed in particolare delle aree urbane sono chiaramente esplicitati nei principali strumenti di programmazione territoriale che individuano come obiettivi prioritari il recupero del patrimonio esistente e la riqualificazione delle aree dismesse. La pianificazione regionale punta alla rigenerazione del sistema insediativo, per renderlo maggiormente competitivo ed efficiente, salvaguardando al contempo il delicato ecosistema costituito dalle risorse naturali, dalla ricchezza del paesaggio e dalla biodiversità. Il tema della riqualificazione fisica si integra così con gli obiettivi prioritari di coesione sociale e di sostenibilità ambientale anche attraverso la riduzione del consumo di suolo.
 

Per approfondire queste tematiche la Regione ha tra l’altro avviato nel 2014 una ricerca sui temi della Città attiva con il supporto scientifico dell'Università di Ferrara allo scopo di dotarsi di linee guida per una pianificazione urbana orientata a promuovere il movimento delle persone negli spazi pubblici per diffondere tra i cittadini stili di vita più sani, la sicurezza e l'accessibilità dei luoghi urbani per tutti, la qualità della città pubblica. I considerevoli mutamenti sociali ed economici degli ultimi anni, unitamente alla consapevolezza della necessità di invertire un modello di sviluppo basato sul consumo di suolo, hanno portato la Giunta regionale ad avviare un percorso di concertazione con gli enti locali verso una nuova legge di governo del territorio basata sulla rigenerazione urbana e orientata un a generare un miglioramento complessivo della qualità urbana.


Per sostenere questo percorso ed orientarne gli esiti è importante sperimentare nelle città nuove forme di intervento che, sulla base degli strumenti di pianificazione vigenti, colgano ogni occasione per ridurre le previsioni di espansione urbana e sviluppino progetti di riuso e riciclo delle aree urbanizzate, anche per migliorarne le dotazioni territoriali. E’ questo il caso del Masterplan del Comune di San Lazzaro per la riqualificazione dell’ambito scolastico/sportivo, su cui con il Protocollo di intesa è stata formalizzata la collaborazione in atto con la Regione Emilia-Romagna che si colloca tra gli strumenti di concertazione istituzionale con il territorio che costituiscono la modalità prioritaria adottata dalla programmazione regionale.


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio