Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

#Bandi e lavori pubblici: nel 2015 crescita del 14,6%

#ANCE #Ripresa @SAIEbologna

Bandi e lavori pubblici: nel 2015 crescita del 14,6%
Vota questa notizia (1 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



  • Nel 2015, secondo il monitoraggio Ance-Infoplus, sono stati pubblicati 18.039 bandi di gara per lavori pubblici per un importo di 20,7 miliardi di euro, il 14,6% in più in termini di numero (circa 2.300 gare) e il 3,9% (+774 milioni di euro) in valore rispetto al 2014.
  • La crescita conferma il segno positivo, dopo anni di forti cali, registrato già nel 2014, anno nel quale il numero dei bandi era cresciuto del 30,3% e l’importo posto in gara del 18,6% su base annua.
  • La performance positiva registrata nel 2015 non risulta generalizzata a tutte le classi di importo come avvenuto l’anno precedente, ma è in gran parte imputabile alla crescita dei bandi per lavori di taglio ridotto (inferiori al milione di euro) e soprattutto delle gare di importo più elevato (superiore ai 100 milioni di euro). Segnano, invece, una riduzione, le fasce di importo comprese tra 1 e 15 milioni di euro e tra 25 e 75 milioni di euro.
  • Il livello dell’importo complessivamente posto in gara nel 2015 (20,7 miliardi di euro), in crescita rispetto al minimo rilevato nel 2013 (circa 17 miliardi), si colloca, tuttavia, ancora molto al di sotto dei valori rilevati nei primi anni 2000.
  • L’analisi mensile del 2015 evidenzia incrementi tendenziali nel numero di gare pubblicate, con la sola eccezione del mese di giugno 2015 (-9,4%, flessione imputabile anche all’elevato valore di confronto dell’anno precedente); dinamica che si protrae ormai ininterrottamente dal mese di febbraio 2014. 2 Per l’importo posto in gara la tendenza invece continua ad essere altalenante. In particolare si registrano forti aumenti a marzo (+162,7%) e ad agosto (+101% rispetto ad agosto 2014) legati alla pubblicazione di lavori superiori ai 100 milioni di euro. Sul risultato di marzo 2015 incidono, inoltre, i bandi pubblicati dall’Agenzia del Demanio per l’affidamento di accordi quadro per lavori, su tutto il territorio nazionale, di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili di proprietà dello Stato o in uso alle amministrazioni statali (valore complessivo di circa 800 milioni di euro per 66 lotti).
  • La crescita in valore rilevata nel 2015 è essenzialmente dovuta ai piccoli bandi di importo inferiore al milione di euro (+10,7% su base annua) ed ai grandi lavori (oltre 100 milioni di euro). Per questi ultimi, in particolare, si registra, nel periodo considerato, una crescita del 67,4% nell’importo che raggiunge 5 miliardi di euro contro 3 miliardi di un anno prima. Si segnala, in questa classe, la presenza di un bando di importo elevato: la gara della BBT - Galleria di base del Brennero per 1,3 miliardi di euro relativa alla costruzione del lotto Mules 2-3 della galleria di base del Brennero pubblicata ad agosto 2015.
  • Al di sotto dei 100 milioni di euro si rilevano andamenti eterogenei, con aumenti per le gare inferiori al milione di euro (+10,7% rispetto al 2014); in aumento anche i bandi di importo compreso tra 15 e 25 milioni di euro (+19,8%) e tra 75 e 100 milioni di euro (+20,5%), nelle quali si concentra, rispettivamente, l’8,1% e il 3,6% del valore dei lavori posti in gara nel 2015. Si registrano flessioni, invece, nei bandi per lavori da 1 a 5 milioni di euro (-3,9%), da 5 a 15 milioni di euro (-11,2%), da 25 a 50 milioni di euro (-29,2%) e soprattutto nella fascia 50- 75 milioni di euro (-62,5%).
  • Rispetto all’ente appaltante, si osserva un aumento dell’importo posto in gara da Regioni, Ferrovie dello Stato, Amministrazioni dello Stato e, seppur in maniera limitata, anche dei Comuni (+0,2% nell’importo ma un più consistente aumento del 23,8%- circa 2.100 bandi in più - nel numero rispetto al 2014). Le Regioni registrano un aumento consistente (+125,4% in valore e +7,6% in numero). Tale crescita è dovuta ai 5 bandi pubblicati dalla Società regionale per la Sanità (Soresa spa) in Campania per quasi mezzo miliardo di euro relativi a servizi integrati, gestionali e operativi di manutenzione (multiservizio tecnologico) da eseguirsi presso gli immobili di proprietà o in uso alle ASL ed alle Aziende Ospedaliere della Regione Campania Performance positive nell’importo posto in gara continuano a registrarsi per le Ferrovie dello Stato che hanno bandito gare, nel 2015, per 4,4 miliardi di euro, il 17,4% in più rispetto al già elevato valore di confronto del 2014 (3,7 miliardi di euro, in aumento del 158,1% rispetto all’anno precedente). Oltre al già citato bando della BBT (galleria base del Brennero) da 1,3 miliardi di euro pubblicato ad agosto 2015, si segnalano tre gare da parte di Cociv relativi ai lavori dell’AV/AC – Terzo valico di Giovi per complessivi 729 milioni di euro e l’intervento, organizzato in 15 lotti territoriali relativo all’ esecuzione dei lavori per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere civili della sede ferroviaria e relative pertinenze di rete ferroviaria italiana s.p.a per complessivi 721 milioni di euro. E’ bene ricordare che, a partire dalla fine del 2014, con l’approvazione dell’Accordo di Programma con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti prevista dal Dl “Sblocca Italia” convertito in legge n.164/2014 l’11 novembre 2014, sono state indette alcune gare tra le quali alcune relative alla realizzazione di programmi di intervento di rinnovo, manutenzione straordinaria all’armamento ferroviario, su linee in esercizio della rete RFI e/o su binari di altre società' del gruppo FS da eseguirsi nel triennio 2015-2017. Anche i bandi pubblicati dalle Amministrazioni dello Stato, pur in diminuzione nel numero (-24,7%) rispetto al 2014, registrano una crescita nell’ importo bandito (+5,2%). Su quest’ultimo risultato incidono i già menzionati i bandi pubblicati dall’Agenzia del Demanio (valore complessivo di circa 800 milioni di euro per 66 lotti).
  • La crescita dei bandi di gara per lavori nel 2015 (+14,6% in numero e +3,9% in valore) coinvolge, a livello territoriale, soprattutto il Nord (+32,6% in numero e +27,5% in valore rispetto al 2014), il Centro (rispettivamente +44,9% e +5,6%), mentre al Sud si riduce nell’importo posto in gara (-16,4%), dopo il forte aumento registrato nel 2014 (+37,1%, legato soprattutto alla necessità di accelerare la spesa dei fondi strutturali europei prossimi alla scadenza).
  • Il metodo di elaborazione dei bandi di gara per lavori pubblici adottato dall’Ance prevede l’esclusione di quei bandi nei quali la componente lavori risulta minima a fronte di una quota prevalente di servizi o forniture e l’eliminazione delle ripubblicazioni di bandi già diffusi precedentemente (nell’arco di un anno) per non incorrere in una duplicazione dell’effetto sul mercato:
    - nel 2014 sono stati pubblicati alcuni bandi a prevalenza di servizi, non compresi nei dati Ance relativi ai bandi per lavori pubblici. Ad esempio: bandi Consip (18 bandi di facility management su tutto il territorio nazionale per complessivi 2,7 miliardi di euro relativi a servizi integrati, gestionali e operativi da eseguirsi negli immobili in uso alle pubbliche amministrazioni, istituzioni universitarie e enti e istituti di ricerca– marzo 2014; 3 bandi relativi alla fornitura, trasporto e montaggio di soluzioni abitative in emergenza e servizi ad esse connessi per 1,2 miliardi di euro – aprile 2014); 16 bandi relativi al multiservizio tecnologico integrato con fornitura di energia per gli edifici, in uso alle pubbliche amministrazioni sanitarie per circa 2 miliardi di euro– agosto 2014); bandi pubblicati dalla Regione Lazio (7 lotti per il multiservizio tecnologico delle aziende sanitarie della Regione Lazio per circa 1,3 miliardi di euro- aprile 2014);
    - nel 2014 sono stati ripubblicati alcuni bandi di importo rilevante, come, ad esempio, il bando da 197,3 milioni di euro da parte di Transenergia relativo alla costruzione dei cunicoli relativi al collegamento elettrico transfrontaliero Italia-Francia), il bando da 49,5 milioni di euro relativo alla concessione di lavori di innovazione, riqualificazione impiantistica da parte dell’azienda ospedaliera di Desio e Vimercate); l’appalto relativo al collegamento metropolitano Cosenza Rende da BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI PER REGIONE – Var.% rispetto all’anno precedente 6 parte dell’ Autorità regionale (stazione unica appaltante regione Calabria) per 115,3 milioni di euro, il bando Anas di 260,3 milioni di euro relativo all’ammodernamento della Salerno Reggio Calabria dallo svincolo di Rogliano allo svincolo di Altilia.
    - nel 2015 si segnalano alcuni bandi a prevalenza di servizi, non compresi nei dati Ance. Ad esempio bandi Consip (9 gare per complessivi 640 milioni di euro relative all’affidamento di servizi integrati, gestionali ed operativi, da eseguirsi negli Istituti e luoghi di cultura pubblici individuati all’art. 101 del D.Lgs. n. 42/2004 - agosto 2015; 16 gare per complessivi 1,8 miliardi di euro relative all’affidamento del servizio integrato energia e dei servizi connessi per le Pubbliche Amministrazioni, edizione 4 – dicembre 2015; bando di gara per 300 milioni di euro relativo al sistema dinamico di acquisizione della pubblica amministrazione per la fornitura dei servizi di manutenzione degli impianti elevatori- dicembre 2015); bandi pubblicati da alcuni Comuni per circa 3 miliardi di euro per l’affidamento in concessione del servizio di distribuzione del gas naturale nei vari ambiti territoriali – dicembre 2015.

 


@edilio_it