Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Banca IFIS Impresa supporta la ripresa dell’edilizia italiana

Banca IFIS Impresa supporta la ripresa dell’edilizia italiana
Vota questa notizia (2 voti):


Condividi:
      
Invia ad un amico
Stampa



I dati della ripresa presentati dal XXIV Rapporto Congiunturale Previsionale del Cresme, del dicembre 2016, hanno attribuito gli input della ripresa più al rinnovo del patrimonio edile preesistente che ai nuovi progetti di costruzione.

Il recupero tiene in piedi il mercato edilizio e ne favorisce la ripresa che sebbene sia ancora contenuta e lontana dalla prosperità del passato è oggettivamente superiore alla ripresa complessiva dell’economia del nostro Paese. Il dato principale emerso dalla ricerca edilizia del Cresme è che il tasso di crescita degli investimenti nel 2016 è del 2,2%, e nel 2017 ci si aspetta una ripresa del 2,6%. Particolare attenzione meritano anche i 164,7 miliardi di valore della produzione nelle costruzioni (media annua 2015/2016 in miliardi di €), il riuso ne vale 120 (72,9 %), 43 il nuovo (25,8 %) e 1,6 (1%) gli impianti FER. Il riuso è poi suddiviso in 84 miliardi di € relativi a manutenzione straordinaria (51%) e 36 a quella ordinaria (21%). Dal 2015 ci troviamo nella fase del “settimo ciclo di costruzioni dal secondo dopoguerra” e si è aperta una nuova era dove impianti, costruzioni e servizi divengono un’unica cosa. Del resto si può constatare come nel 2016 il 74% del valore delle costruzioni di mercato riguarda gli interventi sui patrimoni esistenti. Altre importanti novità nel campo dell’edilizia riguardano una maggiore attenzione agli investimenti pubblici, conseguenti al sisma in Centro Italia e ad una propria rivoluzione interna in cui vengono modificati i processi decisionali, i comportamenti dell’offerta, i rapporti contrattuali e i livelli di produttività.

I segnali positivi della risalita edilizia sono accentuati mentre lo stesso non si può dire della produzione residenziale che procede con molta indolenza: gli investimenti residenziali in Italia sono poco più dell’ 8% del valore della produzione dell’intero mercato delle costruzioni. La ripresa a 360° della sfera edilizia necessita di finanziamenti e agevolazioni fiscali. Banca IFIS Impresa è un potenziale alleato delle attività edili del nostro territorio per incentivare il loro recupero, la loro innovazione e la loro crescita.

Banca IFIS Impresa è la business unit di Banca IFIS dedicata al mondo dell’impresa e leader nel finanziamento alla piccola e alla media impresa: da oltre 30 anni il suo obiettivo è quello di offrire un supporto concreto all’economia reale del nostro paese, rappresentando il leader nel finanziamento alle PMI. Banca IFIS Impresa mette a disposizione delle imprese una gamma completa di servizi di finanziamento a breve, medio e lungo termine.

In primis il Factoring, uno strumento finanziario particolarmente vantaggioso per tutte quelle imprese che hanno contratti di fornitura continuativi con altre aziende e hanno necessità di anticipare il credito e ridurre i tempi di pagamento.

Al factoring si aggiungono infatti il leasing (autoveicoli e beni strumentali); il noleggio di beni, attrezzature IT e office, macchinari industriali e per il settore sanitario; il corporate finance, il finanziamento a medio-lungo termine e la finanza strutturata.


@edilio_it



Network

Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio Network Edilio



Media Partner

Partner Edilio Partner Edilio Partner Edilio